La regina irriverente

Aliénore ha quindici anni e, all’improvvisa morte del padre, eredita la corona di uno dei territori più ricchi d’Europa: il ducato d’Aquitania. È cresciuta alla scuola del nonno, il potentissimo Guglielmo il Trovatore, famoso per le stravaganze, gli eccessi e l’immoralità dei comportamenti. Da lui Aliénore eredita non solo la stupefacente bellezza, ma anche la concezione della vita e i tratti del carattere, inclusa la spregiudicatezza e la forte sensualità. Come Guglielmo, è colta, intelligente, determinata, ama la vita e sa goderne i piaceri.

Luigi, secondogenito del re di Francia, ha diciassette anni. È cresciuto in convento, sotto le cure assidue di Sugero, abate di Saint Denis. È animato da una religiosità profonda e, per certi aspetti, ossessiva. Desidera solo fuggire il mondo e le sue tentazioni, per chiudersi nella pace della clausura. Ma la morte improvvisa del fratello primogenito lo costringe ad assumersi responsabilità per le quali né lui si sente portato né gli altri lo reputano all’altezza.

A Luigi, per ragioni politiche, viene imposto di sposare Aliénore d’Aquitania. Mai coppia fu peggio assortita, almeno all’apparenza.

“La Regina Irriverente” è la storia del loro matrimonio, tempestoso, sorprendente e animato da continui colpi di scena.

“La Regina Irriverente” è stata finalista al premio Acqui Terme 2012.

“La Regina irriverente” (PIEMME) è disponibile in tutte le librerie e su internet presso i principali store online.

È inoltre disponibile in versione ebook.

La regina irriverente